Home - Costruzione - Fly Box - Archivio Mosche - Dressing Greenwell’s Glory

Dressing Greenwell’s Glory

La Greenweel’s Glory è molto probabilmente l’artificiale più conosciuto al mondo ed è stato ideato appositamente per il fiume Tweed (Inghilterra) circa 150 anni fa dal reverendo Greenwell. La sua efficacia, a tutt’oggi eccezionale, copre tutta la stagione di pesca ai salmonidi, estendendosi anche ai mesi invernali laddove si presentino schiuse di baetis di tonalità oliva. Esso rappresenta uno di quei modelli che non dovrebbe mai mancare nella nostra dotazione di base.Serrato l’amo nel morsetto avvolgere il filo di montaggio cominciando dall’occhiello procedendo poi a montare le ali in penna come mostrato in altri dressing sul sito. Fatto questo continuare ad avvolgere fino a raggiungere la fine del gambo dell’amo quindi fissare le fibre per la coda ed il tinsel dorato.

A questo punto procedere a formare il corpo dell’artificiale formando un profilo leggermente conico e fermandosi a ridosso delle ali in sezione di penna.

In questa fase del montaggio vediamo come avvolgere correttamente il tinsel dorato che imiterà l’anellatura dell’addome. Alla fine fissare il tinsel con tre giri di filo di montaggio nella posizione indicata.

A questo punto scegliere un’hackle di gallo e fissarlo appena dietro le ali facendo attenzione a lasciare 1-2 mm di calamo libero di avvolgersi. Questo servirà ad evitare che alcune fibre dell’hackle non si dispongano perfettamente verticali.

La giusta manovra di avvolgimento dell’hackle prevede di eseguire un paio di giri prima delle ali in penna e 2-3 giri subito dopo di esse, questo per dare il giusto equilibrio all’artificiale.

Finito di avvolgere l’hackle fissarla con i soliti tre giri di filo di montaggio e quindi procedere a bloccare e recidere le eccedenze e formare il nodo di chiusura fermando il tutto con una goccia di colla. Volendo la testa dell’artificiale può essere anche colorata in marrone.

 

About Roberto

Approdato alla pesca con la mosca artificiale nel 1976, ne trae il massimo della soddisfazione grazie al connubio con la passione della fotografia e delle scienze naturali.