Home - Costruzione - Fly Box - Archivio Mosche - Dressing Vedova Nera

Dressing Vedova Nera

Serrato l’amo nel morsetto avvolgere il filo di montaggio cominciando dall’occhiello procedendo fino all’inizio della curvatura. Fissare in quel punto uno spezzone di nylon dello 0.40 e procedere a fissarlo su tutta la parte superiore del gambo dell’amo formando un’asolina al centro.

Arrivati in prossimità dell’occhiello dell’amo tagliare le eccedenze del nylon quindi tornare indietro per dare spessore al corpo che sarà costituito esclusivamente dal filo di montaggio (grosso). Posizionandosi a ridosso dell’asola del nylon creare un’altra asola questa volta con il filo di montaggio della lunghezza di circa 5 cm.

Dentro l’asola fatta con il filo di montaggio inseriremo come da foto una piccola quantità di pelo di coda di vitello che ci servirà per creare il ciuffo delle ali. Quando si è soddisfatti della disposizione del pelo di vitello dentro l’asola, torcere il filo di montaggio fino a creare un cordoncino peloso.

A questo punto cominciare ad avvolgere il cordoncino in pelo di vitello attorno all’asolina di nylon che farà da supporto all’avvolgimento stesso. Finito di creare il ciuffo delle delle ali quindi fissare con tre giri di filo di montaggio.

Fissato il cordoncino peloso di vitello creare sempre a ridosso dell’asolina di nylon un’altra asola con il filo di montaggio sempre della lunghezza di circa 5 cm. Disporvi all’interno una piccola quantità di pelo di cervo dopo averlo pareggiato nell’apposito attrezzo, quindi torcere come in precedenza l’asola in filo di montaggio per creare questa volta il cordoncino in pelo di cervo.

A questo punto avvolgere il cordoncino in pelo di cervo attorno all’asolina di nylon facendo però attenzione a disporre le spire sempre al di sotto delle precedenti in modo da dare corposità e stabilità al tutto. Alla fine bloccare e recidere le eccedenze e formare il nodo di chiusura fermando il tutto con una goccia di colla.

 

About Roberto

Approdato alla pesca con la mosca artificiale nel 1976, ne trae il massimo della soddisfazione grazie al connubio con la passione della fotografia e delle scienze naturali.