Royal Wulff





Untitled Document


 

LA
ROYAL WULFF
di
Roberto Brenda

l’artificiale
completato

 

La Royal Wulff è
considerato un artificiale indispensabile per affrontare le acque veloci
del torrente. Pur essendo una mosca di fantasia, infatti non imita praticamente
nessun essere vivente, tuttavia si rivela essere un ottimo artificiale
per tentare di catturare qualche trota pescando in caccia. Nel complesso
è un modello molto robusto e facile da realizzare e con i suoi
colori contrastanti risulta essere molto visibile nelle acque più
turbolente. La serie ideata da Wulff prevede anche altri modelli con il
corpo in dubbing grigio (Gray Wulff) e bianco (White Wulff) che possono
essere montati su una vasta gamma di numeri di ami proprio grazie alla
semplicità di questo dressing.

 

Materiali occorrenti:

amo da secca #10-18

filo di montaggio
nero

ali in vitello o
poly bianco brillante

coda in cervo o
capriolo naturale

corpo in herl di
pavone e seta rossa

hackles di gallo
rosso

 

 

 

Serrato l’amo nel
morsetto avvolgere il filo di montaggio a 2-3 mm. dall’occhiello a seconda
della sua grandezza. Fissare in quel punto il poly bianco dividendo il
ciuffo a metà con giri incrociati del bobinatore e cercando di
farlo tendere verso l’occhiello.

 

 

Di seguito dirigersi
con il filo di montaggio verso la fine del gambo dell’amo e fissare con
tre giri di bobinatore alcune fibre di cervo all’altezza dell’ardigione
formando una coda lunga quanto il gambo stesso.

 

 

Fatti i tre giri di
filo fissare tre herl di pavone ed avvolgerle per 1/3 della distanza esistente
fra la coda ed il ciuffo di poly curando di torcerle fra di loro per ottenere
un cordoncino resistente alla trazione e con questo coprire le sottostanti
eccedenze del cervo. Alla fine fissare il tutto con tre giri di filo di
montaggio.

 

 

A questo punto fissare
ed avvolgere la seta rossa fino a coprire un tratto lungo tanto quanto
quello già coperto dal pavone. Facendo ciò usare come sottocorpo
le eccedenze delle herl di pavone per dare volume e quindi fissare con
tre giri di filo di montaggio.

 

 

Finire di avvolgere
a questo punto la parte rimanente delle herl di pavone completando il
1/3 residuo del corpo dell’artificiale. A questo punto fissare le hackles
di gallo procedendo verso l’occhiello dell’amo e quindi avvolgerle facendo
attenzione a distribuirerle attorno al ciuffo di poly.

 

 

La quantità
di hackles di gallo dipenderà dalla grandezza dell’amo e dal volume
che vogliamo dare al nostro artificiale. Alla fine recidere le eccedenze
e formare il nodo di chiusura fermando il tutto con una goccia di colla.

 


About Roberto

Approdato alla pesca con la mosca artificiale nel 1976, ne trae il massimo della soddisfazione grazie al connubio con la passione della fotografia e delle scienze naturali.