Home - Itinerari - Italia - Acque dolci - Acque e trote dell’Aniene di Gigi Presciutti

Acque e trote dell’Aniene di Gigi Presciutti

acqua aniene

Il grande padre delle piccole cose, malgrado la nostra stupidità, ci regala ancora miracoli come questo.

L’Aniene è un fiume del lazio lungo 99 Km. principale affluente di sinistra del Tevere, dopo il Nera.  Nasce sul confine Lazio-Abruzzo dai Simbruini tra le provincie di Roma e Frosinone.

Il tratto in questione è quello compreso tra i comuni di Subiaco e Jenne. E’ libero, serve solo la licenza B. La qualità dell’acqua è eccezionale data la quasi inesistente urbanizzazione. Malgrado le notevoli captazioni degli acquedotti del Simbrivio e del Ceraso che dissetano mezza Roma e paesi limitrofi, la portata del fiume può considerarsi ancora accettabile ma il futuro non è roseo.

trota anieneCome tutti i corsi d’acqua da salmonidi, anche l’Aniene deve sopportare fenomeni di bracconaggio ma fortunatamente concentrati nei tratti più a valle, zona a monte di Tivoli dove sono frequenti semine pronta pesca in particolare per i locali. Il tratto delle foto, fortunatamente è delimitato a valle da una piccola diga (Scalelle) e a monte da una zona piuttosto impervia  ma comunque accessibile che però ha il merito di scoraggiare chi cerca un approccio comodo al fiume. Le trote non sono enormi ma sane, integre e con una livrea bellissima. Sono spesso visibili le lamprede di ruscello (ottimo indicatore biologico) e a tempo debito notevoli zone di frega. Certamente non è un fiume facile e anche se le catture non saranno comparabili a quelle degli ormai un po’ esausti no-kill, l’Aniene vale bene una visita, se non altro per la bellezza e l’integrità dell’ambiente. Per qualsiasi informazione io sono qui. Gigi Presciutti.

 

 

About Blue Dun