Home - Caratteristiche dei nuovi modelli Sage | Pagina 2 | Attrezzature | Forum

Caratteristiche dei nuovi modelli Sage | Pagina 2 | Attrezzature | Forum

Avatar

Hai perso la password?
Ricerca avanzata

— Ambito del Forum —




— Match —





— Opzioni del Forum —





La lunghezza minima di una parola di ricerca è di 3 caratteri - La lunghezza massima di una parola di ricerca è di 84 caratteri

No permission to create posts
sp_Feed RSS Argomento sp_TopicIcon
Caratteristiche dei nuovi modelli Sage
7 novembre 2017
07:25
Avatar
Giordano

Mayfly
Registrato
Messaggi del Forum: 1736
Iscritto dal:
23 settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

ciao eri, io volevo dire che per imparare a pescare veramente con la tecnica che ci contraddistingue abbiamo bisogno di un attrezzo adatto che dovrebbe essere progettato allo scopo, poi si lancia con tutto ma con compromessi  che non sempre ci aiutano. l’idea più che mia è di piero ma penso che sia attendibile una volta tanto. tutto qui

12 novembre 2017
02:03
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2157
Iscritto dal:
7 febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ciao Giordano, io non sto cercando una canna che mi aiuti a risolvere le mie deficienze nel lancio. Tuttora riesco a lanciare bene e a pescare con qualsiasi canna che assecondi i miei lanci. Addirittura ogni tanto sfodero la mia prima canna Pezon Et Michel per pescare i cavedani, che è così dolce e delibata che posa le mosche in acqua con la stessa dolcezza di una mamma mette il suo bimbo nella culla. Sto cercando una canna piacevole nel lancio e nella pesca, così piacevole come lo era la mia precedente Sage. Vorrei pescare senza stare a ripensare che avrei fatto meglio a prendere quella canna o quell’altra. Mi trovo benissimo con la mia attuale TFO “Code Tese” 7’6” #3, come ho una nuova CTS Affinity sempre 7’6” #3 che a secco promette beneda farmi sognare, ma il desiderio di una canna blasonata è forte. E’ come un appassionato di automobili desideri una bella Ferrari Testa Rossa, pur possedendo una ottima autovettura, magari station Wagon o SUV che lo porti comodamente ovunque. Nello sci, sport nel quale sono in un certo senso bravo, attualmente sogno di possedere e sciare con un paio di Head che costano, compresi gli attacchi, 1800 euro. Molti dicono che li posso affittare a giorno o a settimana, ma il desiderio di avere un paio di sci personali da curare e preparare personalmente ti da le stesse sensazioni che ti da il possesso di una canna Sage che più preferisci. Come adesso che prima di andare a dormire farò il consueto giro su internet per cercare una desiderata Sage XP 7’6” coda 3. Questa canna la provai, la prima volta, tempo fa, non ricordo come e dove, e mi fulminò immediatamente la sua prestazione nel lancio che me ne innamorai al primo colpo.

13 novembre 2017
16:32
Avatar
kricchio

Subimago

Istruttore SIM
Messaggi del Forum: 109
Iscritto dal:
23 settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Caro Eri, 

Capisco il tuo punto di vista. La scorsa settimana ho avuto modo di provare la nuova Orvis Helios 3 e me ne sono innamorato. Purtroppo al momento si trova solo la 9 coda 5… Eccezionale a mio avviso nella versione più morbida. A breve dovrebbe arrivare anche la 7’6″… Aspetto di provarla con impazienza. Il prezzo è una fucilata ma ti assicuro che se è a livello della 9….. Ci penso!

13 novembre 2017
19:58
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2157
Iscritto dal:
7 febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Cristian,

la mia filosofia di vita è: se si nasce una sola volta, ringraziamo il padreterno di averci donato la possibilità di fare ciò che ci piace, come la pesca a mosca, regalandoci la possibilità di pescare nei fiumi vicino casa, possibilità logistica e materiale, come arrivare sul posto di pesca scelto in breve tempo e con un budget necessario da non farti morire di fame dopo. Le canne ed il materiale che servono lo troviamo nel giro di pochi kilometri dalla nostra residenza oppure ce lo procura il solito amico compiacente. La possibilità di raggiungere gli amici lontani per passare una bella giornata insieme a pesca o a tavola e discutere la nostra passione facendo progetti per il futuro. Bene ed allora? Facciamo un esempio: invece che in Italia, con i nostri buoni lavori e l’ambiente confortevole, il buon Padreterno ci avrebbe fatto nascere in Africa Nera, oppure ci sarà una seconda, terza o ennesima vita e ti capita di nascere in quei posti sfigati, dove cercare una patata e trovarla è come fare 6 al superenalotto ed invece dei fiumi limpidi per pescare e divertirci di saranno fiumi torbidi e vorticosi dove si andrà a pesca, se è possibile, solo per sbarcare il lunario per sé e la propria famiglia, ma cazzo e vaffan…., la canna me la accatto e me la godo che ne ho la possibilità. Il prezzo da vera fucilata è quello che sborsano quei poveracci emigranti africani per imbarcarsi ed arrivare in Italia, se arrivano, in cerca di fortuna. Su questo argomento stendiamoci un velo pietoso e godiamoci la nostra vita, torniamo bambini con il nostro salvadanaio . . . una monetina dopo l’altra finché il salvadanaio è pieno e pesante, poi una martellata ben assestata, apriamo il salvadanaio e se i soldini bastano prendiamo la bicicletta e corriamo a comprare la nostra tanto desiderata canna. Fai così e vivrai contento . . . un vecchio e saggio pescatore di professione del porto di Pescara avrebbe detto, se hai il vento a favore che ti rinfresca la faccia, . . . . “se vuoi vivere contento non sputare controvento”. Ok!!!???

Anzi oggi mi ha chiamato il mio amico che mi fornisce i sigari cubani, dicendomi se ne volevo altri 25, ultimi a lui rimasti, dato che poche settimane fa ne avevo presi 50. Altrimenti sarebbero andati in malora. Non me lo sono fatto ripetere due volte, gli ho dato appuntamento in un luogo per la consegna e a questa avvenuta li ho pagati e sono andato via contento fumandone uno per strada tra l’invidia generale . . . altro che toscani che ti si fermano in gola. Viva la vita!!!

14 novembre 2017
08:35
Avatar
kricchio

Subimago

Istruttore SIM
Messaggi del Forum: 109
Iscritto dal:
23 settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Bravo Eri. Così si ragiona!

;-)

31 marzo 2018
20:55
Avatar
Suan

Chironomo
Registrato
Messaggi del Forum: 12
Iscritto dal:
31 marzo 2018
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Molto interessante questa discussione :)

sono sempre stato fissato con le sage, e ne ho provate , acquistate e rivendute davvero tante in pochi anni 

Eri,

la RP rotta ancora la possiede ? Se si , è possibile ripararla alla sage ad una cifra non esorbitante

recentemente ho rotto la mia Sage XP 7.6,spedita con 80€ ed essendo un vecchio modello …. mi hanno spedito una Sage XP 7.6 nuova (di magazzino )

sentiamoci pure in mp, la potrei anche comprare io rotta la sua RP è una canna strabiliante !

buona serata 

19 aprile 2018
01:18
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2157
Iscritto dal:
7 febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ciao Suan,

come avrai letto sopra, oppure non l’ho spiegato bene, quella mia Sage è stata una canna bellissima, ma sfortunata, anzi molto sfortunata. L’avevo presa perché precedentemente avevo acquistato una pari serie ma di 8,6 di lunghezza, benché il titolare del negozio Garué, il compianto Angelo Gariboldi, mi aveva consigliato e fatto provare la 8′. Quindi nemmeno un paio di mesi dopo sono ritornato a Milano per acquistare quella 8′ che avrei voluto portare con me in una vacanza di pesca sull’Idrija. Pescato tre giorni sull’Idrija decidiamo di andare sull’Unec prima di tornare in Italia e così facciamo. Arriviamo su quello splendido fiume, che oggi è un misero ricordo di quello che era allora e mi reco alla confluenza con il canale Windsh Graetz, notorio covo di certi temoloni, come indicatomi dall’amico Gariboldi. Arrivato sul posto, portandomi le due canne Sage, comincio a pescare con la 8′, dopo un po vedo di provare la 8’6″ per cercare la differenza, lasciando la 8′ sul prato. Ancora dopo un ora metto da parte la 8’6″ per riprendere la 8′, dato che si era alzato un fastidioso vento e mi ritrovo con la canna strana che non voleva saperne di lanciare. Che diavolo era successo? Guardo il cimino e lo trovo spezzato! Ma come? Chi ha calpestato il cimino della mia Sage che adesso gli faccio un culo così!!! Mi guardo intorno ed ecco  il colpevole: è uno di quei cavalli che pascolavano liberi sulla riva del fiume, che brucando qua e là passa sulla mia canna e patatrac. Non sapendo cosa fare e non avendo un arma appropriata per ridurre il cavallo in mortadella, prendo una grossa pietra dal fiume e gliela tiro sulla cucuzza (testa) provocando uno spaventoso nitrito dell’animale ed una fuga a 350 km/ora. E la canna? Ritorno scornato a Milano da Garue, confidando nella garanzia a vita. Il negoziante prende numero di matricola e modello per spedire il cimino in USA e richiederne uno uguale nuovo. Attendo un paio di mesi ed a casa mi arriva il cimino nuovo, con tanto di passanti legati e verniciati. Rassicurato e contento non completamente, perché ho dovuto sborsare 60 mila lire di spedizione, me ne vado a pesca. Passano giorni ed anni di grande soddisfazioni finchè una afosa domenica di Luglio sul selvaggio Sangro della provincia di Chieti, molto a valle di Castel di Sangro, per raggiungere il fiume metto un piede in una buca coperta di edera selvatica cadendo e spezzando stavolta il fusto della canna poco sopra il manico, che incazzatura terribile che le mie urla si sentivano fino all’altro versante della montagna. Torno scornato in macchina, prendo la 8’6″ e comincio a pescare facendo belle catture, che mi hanno calmato parecchio. Tornato a casa, studio la canna spezzata e decido di ripararla da me. Ne è uscita una riparazione perfetta che la canna era migliorata, avendo irrigidito nel  modo giusto il fusto. Bene e riprendo a pescarci con soddisfazione, finchè un giorno, sul Volturno mi venne la malaugurata idea di provare una di quelle ninfe, allora novità, appesantite con la sfera di tungsteno. Sfera che va ad urtare il cimino spezzandolo come fosse stato colpito da un colpo di pistola. E tre . . . . grrrr.grrrr. Incazzatura spaventosa, che avevo gli occhi rossi iniettati di sangue. Essendo in piena stagione di pesca e una 8′, nei fiumi abruzzesi è essenziale, mi reco nel negozio più vicino a Pescara che si trova a Recanati (AN) dove prendo due ottimi grezzi, da 8’e da 7′, pagandoli 200 mila lire. Non trovando componenti sufficienti per montare le due canne, a malincuore ho dovuto cannibalizzare in parte la Sage 8′. Adesso  non ci penso più, ma ricordando la potente dolcezza di quella magnifica Sage, certo che mi viene uno struggente rimpianto. Qualcuno dirà che è solo una canna immateriale, va bene io sono come quei pescatori e cacciatori di una volta, che trovandosi bene con i loro attrezzi non li abbandonavano mai più, come Ernst Hemingway ed i suoi fucili Holland & Holland da caccia agli elefanti, Charles Ritz e la sua formidabile Parabolic e così via. Che ci vuoi fare siamo fatti così ed in fondo spero che la Sage, pressata da tante richieste, come la mia, potrebbe decidere di replicare quella canna ed io sarò uno di quei sicuri acquirenti, anche se dovesse essere l’ultimo giorno della mia vita.

29 aprile 2018
07:15
Avatar
Suan

Chironomo
Registrato
Messaggi del Forum: 12
Iscritto dal:
31 marzo 2018
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Bellissimo racconto Eri

mi sono immaginato tutto ! Non è facile scrivere così 

Se riproducessero quella Canna gli acquirenti sarebbero già due !

30 aprile 2018
02:53
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2157
Iscritto dal:
7 febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ed Io ne acquisterei anche tre. Ho 64 anni e penso che, se il Buon Dio vorrà, potrei pescare altri 30 anni. Dopo non so se le mie povere ossa mi permetteranno di prendere l’umidità delle momenti del Coup de Soir. frowncrycry

1 maggio 2018
06:41
Avatar
Suan

Chironomo
Registrato
Messaggi del Forum: 12
Iscritto dal:
31 marzo 2018
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Vabbè pescheremo a ora di pranzo con meteo asciutto !

tanto le schiuse di questo passo stanno scomparendo, i ditteri non hanno bisogno del coup

10 maggio 2018
01:07
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2157
Iscritto dal:
7 febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

E’ vero che le schiuse, quelle come una volta stanno scomparendo. Questo a causa dell’indiscriminato uso di insetticidi potenti quali il Dtd e compagnia di pesticidi. Quelle porcherie così potenti usate per soddisfare la richiesta di frutta e verdura senza traccia di mangiare d’insetti che le nostre attuali massaie ritengono salutari e che io diffido. Se quel veleno è così potente e duraturo da sterminare tutta la catena degli insetti, pensiamo un po’ che effetto farà al nostro organismo. Nel dubbio preferisco una sana mela bacata che ripulirò con il coltello e papparmela in sicurezza, piuttosto che accusare un mal di pancia da finire in ospedale e curarmi se ci sono le cure. Io come professione svolgo quella pacata di Imprenditore Agricolo, sul mio terreno sono bandite tutte quelle sostanze chimiche insetticide che molti usano, praticamente i miei prodotti sono di agricoltura biologica. Nei cieli sovrastanti i miei terreni volano ancora numerose le rondini che è uno spettacolo raro altrove. Ancora più in alto volano rapaci in caccia di uccelli e le associazioni protezioniste vengono spesso ad osservare lo spettacolo che danno queste creature. Il mio olio di oliva è più saporito e salutare di molti altri tanto da essere indicato per la nutrizione dei bambini. I pomodori provengono dal terreno concimato con prodotti naturali, come letame e derivati, hanno un sapore che non si può paragonare a quelli del supermercato e così via che nei terreni marginali incolti nasce la cicoria selvatica ottima saltata in padella con aglio, olio e peperoncino (magari con un pezzo di sardina). Le mele, quelle piccoline e dolci, te le devi litigare con gli uccellini che le vanno a beccarle in cerca di bruchi che trovano riparo nella polpa. E’ una scelta non proprio economica, ma a me e famiglia sta bene. Se tutti gli agricoltori facessero la mia scelta, vedrai che le schiuse serali torneranno, sono simbolo di purezza dell’aria e di luogo non inquinato. Speriamo bene..

10 maggio 2018
21:21
Avatar
Suan

Chironomo
Registrato
Messaggi del Forum: 12
Iscritto dal:
31 marzo 2018
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Spero di poter assaggiare presto quell’olio!

No permission to create posts
Fuso orario del forum:Europe/Rome

Record di utenti connessi:74

Attualmente connessi:
26 Ospite(i)

Attualmente stanno visitando questa pagina:
2 Ospite(i)

Utenti più attivi:

Statistiche Utenti:

Ospite: 11

Utente: 7161

Moderatore: 1

Amministratore: 3

Statistiche del Forum:

Gruppi:2

Forum:22

Argomenti:2930

Messaggi:64553

Utenti più recenti:

danilo.claudiani@alice.it

Moderatori:webmaster: 137

Amministratori:Roberto: 1121, LUCAC71: 10619, Marco: 27