Home - il grasso per le code | Attrezzature | Forum

il grasso per le code | Attrezzature | Forum

Avatar

Hai perso la password?
Ricerca avanzata

— Ambito del Forum —




— Match —





— Opzioni del Forum —





La lunghezza minima di una parola di ricerca è di 3 caratteri - La lunghezza massima di una parola di ricerca è di 84 caratteri

sp_Feed RSS Argomento sp_TopicIcon
il grasso per le code
13 Giugno 2011
18:57
Avatar
fausto

Ninfa
Registrato
Messaggi del Forum: 45
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

quali materiali aternativi e altretanto efficaci per le code

14 Giugno 2011
13:21
Avatar
SergioCH

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2700
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ciao Fausto. Per pulire la coda in PVC uso un prodotto della 3M da svariati anni. Per ingrassarla uso il Mucilin, oppure il Gink.

Ciao ciao!
Sergio CH

14 Giugno 2011
20:59
Avatar
Euge85

Ninfa
Registrato
Messaggi del Forum: 63
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

– Mucilin rosso
-Vulkan di Tubertini
-Whizz lube di Airflo
-grazzi al silicone di qualsiasi magazzino(obi-briko-self….)

;)

2 Ottobre 2015
20:11
Avatar
Giovanni Gatti

Ninfa

Socio SIM
Messaggi del Forum: 90
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ciao amici visto l’arrivo della chiusura della stagione di pesca volevo chiedervi un informazione. Come posso pulire e trattare la mia coda di topo?

Purtroppo non ho il silicone apposta, posso utilizzare il silicone CFG che uso per le mosche?

E per la pulizia della coda cosa posso usare? Ciao e Grazie…

Giovanni Gatti

2 Ottobre 2015
21:48
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2172
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

In un vecchio libro di pesca a mosca, ho letto che per mantenere la coda di topo sempre pulita ed efficace, a fine stagione bisogna estrarla completamente dal mulinello e fare una matassina a spire larghe (li libro consigliava di avvolgerla su uno di quegli attrezzi che le nostre nonne usavano per fare gomitoli di lana da una matassa . . non ricordo come i chiama l’attrezzo). Fatto la matassa immergerla in acqua pulita con diluito lo shampoo neutro per bambini, tipo quello Johnsons, ed agitare per sciogliere lo sporco accumulato sulle code. Se lo sporco è ostico, tipo una macchia di grasso annerito, finita nella nostra coda forse trasportata dalla corrente di qualche fiume non proprio pulito, munirsi di un batuffolo di cotone idrofilo e passarlo più volte sulla coda finché lo sporco andrà via. Certe volte è necessario usare qualche goccia di sapone liquido per piatti e stoviglie per rimuovere lo sporco grasso più ostico in quel pezzo di coda. Finito di pulire la coda risciacquarla in acqua pulita corrente finché andranno via tutte le tracce del detersivo e dello shampoo. Far asciugare bene la coda e passarci sopra un ottima pasta ingrassante come il citato Mucilin (un velo). Personalmente prima di stendere il Mucillin (dico un leggerissimo velo ! !) ripasso la coda con uno di quei specifici prodotti detergenti a base di liquido poco aggressivo e rinnovante per code in PVC. Sconsiglio gli olii siliconici industriali come il citato CFG, che sarà buono per ingrassare le nostre mosche, ma leggermente, perché contiene solventi aggressivi che, se non subito, dopo qualche tempo vedremo la nostra preziosa coda screpolarsi per tutta la lunghezza (a me è successo tempo fa su una coda Air Cel Supreme . . . accidenti ! !). Dopo ogni pescata in acque non proprio pulite consiglio di passare la coda su un batuffolo con quel prodotto detergente, poi spruzzare con una bomboletta spray oppure immettere qualche goccia di olio specifico di silicone o meglio di vaselina tra le spire della coda. Quindi lasciare riposare fino alla prossima pescata. A differenza dell’olio di silicone, quello di vaselina essendo un prodotto naturale va via con un buon detergente biologico e neutro come lo shampoo Johnsons, mentre il silicone essendo prodotto sintetico per durare nel tempo resta sulla coda attirando particelle in sospensione come sabbia in polvere, impalpabile, portata dalla corrente con acqua velata, che si deposita sulla coda grazie al potere adesivo del silicone. Poi con il tempo questa polvere farà il suo sciagurato lavoro. Le mie code, alcune vecchie di anni (sono dei primi del ’90) sono ancora nuove e funzionali . . . non riesco mai ad avere la soddisfazione di acquistare una coda nuova, anche se la compro e la metto da parte come di riserva.cry

2 Ottobre 2015
22:25
Avatar
Giovanni Gatti

Ninfa

Socio SIM
Messaggi del Forum: 90
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ok Grazie mille Eri. Quindi mi conviene acquistare qualche sostanza apposta per code di topo.

Giovanni Gatti

3 Ottobre 2015
00:58
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2172
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Certo che ti conviene, almeno avrai la coda sempre morbida ed ingrassata quanto basta. Un prodotto non specifico più delle volte genera un alone intorno alla coda che potrebbe allarmare i pesci lo stesso alone si trasferirà sul finale ed infine sulla mosca, se a fine pesca lasci il finale avvolto nel mulinello insieme alla coda. Inoltre durante la pesca, maneggiando come al solito la coda e poi la mosca, trasmetterai il grasso sulla mosca e nessun pesce di taglia cadrà in inganno. Sono esperienze non solo mie, ne parlavano certi famosi pescatori americani come Swisher & Richard, Lee Wulff, e tanti altri. La trota che insidiamo è un animale che ne viste tante, da essere così timoroso e da scartare qualsiasi cosa che non lo convince del tutto, mentre le trotelle piccole che devono fare esperienza ci cascano e per questo le catturiamo anche se facciamo il minimo errore. Se vai a pescare sul NK di Borgo Cerreto, sul Nera, te ne accorgerai. Addirittura le mosche costruite con una certa rigidezza venivano regolarmente sputate in modo fulmineo da non lasciare il minimo tempo per una ferrata con grande scorno del pescatore che alla fine si innervosisce e farà più errori di prima vanificando la giornata di pesca. Sono sottigliezze che il bravi e famosi pescatori che vediamo e leggiamo sulle pagine delle riviste e nei libri specializzati evitano in modo assoluto. Figuriamoci che in certi fiumi basta attraversare un ponte che la risonanza dei nostri passi allarma il pesce che si mette in agitazione. Personalmente rendo impermeabili le mie mosche solo con il grasso di Cul de Canard perché mi danno la possibilità di sgrassarle con un semplice fazzolettino di carta, quando vedo che il pesce sale e rifiuta l’artificiale in modo inspiegabile e senza che io abbia fatto un errore di presentazione. Il bravo e grande Mario Riccardi evitava se possibile di ingrassare le sue mosche e se ciò serviva per qualche motivo, le passava sui suoi capelli impermeabilizzandole con il poco sebo della sua capigliatura, oppure con il grasso delle pieghe del suo naso  io invece sono quasi calvo e devo rivolgermi ad altri artifici.embarassed

Fuso orario del forum:Europe/Rome

Record di utenti connessi:74

Attualmente connessi:
28 Ospite(i)

Attualmente stanno visitando questa pagina:
1 Ospite(i)

Utenti più attivi:

Statistiche Utenti:

Ospite: 11

Utente: 7178

Moderatore: 1

Amministratore: 3

Statistiche del Forum:

Gruppi:2

Forum:22

Argomenti:2964

Messaggi:64840

Utenti più recenti:

fario55

Moderatori:webmaster: 137

Amministratori:Roberto: 1121, LUCAC71: 10656, Marco: 27