martedì , 7 Luglio 2020
Home - Il Bondic per fare le mosche di mare | Pagina 2 | Costruzione artificiali | Forum

Il Bondic per fare le mosche di mare | Pagina 2 | Costruzione artificiali | Forum

Avatar

Hai perso la password?
Ricerca avanzata

— Ambito del Forum —




— Match —





— Opzioni del Forum —





La lunghezza minima di una parola di ricerca è di 3 caratteri - La lunghezza massima di una parola di ricerca è di 84 caratteri

No permission to create posts
sp_Feed RSS Argomento sp_TopicIcon
Il Bondic per fare le mosche di mare
15 Ottobre 2013
22:53
Avatar
Davide Crosetti

Subimago

Istruttore SIM
Messaggi del Forum: 134
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

laughlaughlaugh!

avete mai costruito all’aperto utilizzando un collante UV?????Quest’estate ho fatto l’esperimento e vi assicuro che la colla,nello specifico la LOON ,catalizza all’istante!!!!,

 

15 Ottobre 2013
23:26
Avatar
Maria Elena

Mayfly
Registrato
Messaggi del Forum: 2175
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

ciao Davide, sì wink

 

e devo dire che il sole di Los Roques è eccccezionale veramente!!!cool

 

kiss  elena

2 Giugno 2014
07:00
Avatar
SidJustic
Ospite
Visitatore

Otto ha detto
Ciao Malik, 

purtroppo non sembra che ad oggi si riesca ad avere una percentuale di polimerizzazione più alta del 80%.

Pensa che gli studi che ho letto sono stati condotti a livello di tesi universitaria sui prodotti utilizzati dai dentisti per la ricostruzione dei denti curati dalle carie.

Come ben saprai, in medicina e soprattutto in odontoiatria, i prodotti a base di polimeri hanno sostituito le vecchie amalgame a base di argento ed oro ma il problema che si deve affrontare con questi nuovi prodotti è proprio legato alla loro tossicità.

Anche le vecchie metodologie avevano aspetti negativi, tra tutti l’utilizzo di metalli pesanti proprio nelle amalgame che probabilmente, erano ancora più tossiche delle moderne sostanze a base di monomeri.

Da quanto ho letto si può cercare di avere polimerizzazioni soddisfacenti usando piccoli accorgimenti:

1) l’uso di lampade ad alta intensità;

2) lavorare per strati, ovvero, se il montaggio ha bisogno di parecchia colla, devi stendere un primo strato molto sottile, applicare la luce UV e poi procedere con un nuovo strato anch’esso sottile e via così; in questo modo si evita che venga polimerizzato solo lo strato superficiale.

Per evitare che l’incollaggio cambi colore non so cosa dire, io quando ho finito di polimerizzare, applico una passata di clinex imbevuto di alcool. Questo fa si che anche toccando la parte incollata con la pelle, lo strato di colla non si opacizza.

La Bondic sembra effettivamente avere una marcia in più rispetto alle altre anche se, con la Bug Bond e una buona lampada UV, mi trovo bene.

Sulla tossicità di questi prodotti non saprei come comportarmi; tutti i collanti sono prodotti chimici e più  meno tutti sono tossici per l’ambiente e per chi li usa. L’Attack ad esempio, è un cianoacrilato, anch’esso un monomero capace di polimerizzare ed anch’esso richiede opportune precauzioni di impiego, soprattutto per evitare che i vapori che residuano dalla polimerizzazione arrivino alle vie respiratorie ed agli occhi.

Siamo circondati da questi prodotti nella nostra vita di tutti i giorni, farne a meno sarebbe possibile ma dovremmo rinunciare ai vantaggi che ci danno. Secondo me, l’importante è usarli con coscienza e con piccole precauzioni.

 

 Principalmente Evito queste sostanze artificiali da applicare sulla mia pelle .. Ci sono molti modi naturali che sono efficaci e sa…

 

No permission to create posts
Fuso orario del forum:Europe/Rome

Record di utenti connessi:296

Attualmente connessi:
26 Ospite(i)

Attualmente stanno visitando questa pagina:
1 Ospite(i)

Utenti più attivi:

Statistiche Utenti:

Ospite: 11

Utente: 6839

Moderatore: 1

Amministratore: 3

Statistiche del Forum:

Gruppi:2

Forum:22

Argomenti:3051

Messaggi:65455

Utenti più recenti:

Paolo Fiordelli

Moderatori:webmaster: 137

Amministratori:Roberto: 1121, LUCAC71: 10742, Marco: 27