martedì , 11 Agosto 2020
Home - Sostituire peli e penne con materiali sintetici? | Pagina 2 | Costruzione artificiali | Forum

Sostituire peli e penne con materiali sintetici? | Pagina 2 | Costruzione artificiali | Forum

Avatar

Hai perso la password?
Ricerca avanzata

— Ambito del Forum —




— Match —





— Opzioni del Forum —





La lunghezza minima di una parola di ricerca è di 3 caratteri - La lunghezza massima di una parola di ricerca è di 84 caratteri

No permission to create posts
sp_Feed RSS Argomento sp_TopicIcon
Sostituire peli e penne con materiali sintetici?
8 Settembre 2007
19:11
Avatar
marione

Imago
Registrato
Messaggi del Forum: 679
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea
[quote author=cormorano link=topic=778.msg16779#msg16779 date=1189266042] pescheremo in eterno

C’è una grande Verità in ciò che scrive cormorano….
Ricordatevi che Gesù fece la "moltiplicazione dei pani e dei pesci".
Per questo motivo nessuno mai potrà proibirci si pescare.
Meditate gente…..meditate…..

8 Settembre 2007
19:21
Avatar
Ospite
Visitatore

x Luca
Argomento interessante ma è veramente tirare il pelo per la coda ( capito l’antifona?) A me il sintetico va bene ma vorrai mica mettere, e poi noi vogliamo lamentarci quando i norvegesi per il bene comune di tutti possono uccidere tutte le balene che vogliono, e che dire degli esquimesi unici cacciatori di foche legali perchè poverini fa parte della loro cultura ed il cibo che ne ricavano viene ancora masticato etc etc ………
ripeto e la globalizzazione e nessuno ci potrà mai più fare nulla
ciao debbo scappare perche stasera si mangia pesce………..indovina quale………….e non ti do nemmeno un aiuto

8 Settembre 2007
20:35
Avatar
Ospite
Visitatore

Innanzi tutto saluto tutti i partecipanti a questo 3D da me scatenato.

Sono stato invitato da Aldo a partecipare e volentieri interverrò esponendo le mie opinioni. :)

Prima di tutto due puntualizzazioni.
1) Ho sentito parlare di falsi moralisti pseudoambientalismi ecc., penso che ognuno abbia la sua morale e non spetti a nessuno decidere cio che è giusto o sbagliato. Ho chiesto ad aldo con quali materiali sintatici potevo sostituire peli e piume particolari, non ho chiesto che il mondo cambi. Ogniuno è libero di fare le sue scelte io mi sento ambientaliste e pescatore. Essere ambientalisti significa rispettare (cerce di rispettare sarebbe meglio dire) l’ambiente che ci circonda; quindi evitare tutti quei comportamenti che provochiino uno squilibrio nel ecosistema in cui viviamo (se no vado a pescare le trotelle col bigatto e ci si è visto si è visto senza tante poesiole di code di topo). Ognuno va pesca per una passione che deriva da chi sa dove. Per quanto mi riguarda provo piacere nell’osservare quell’ambiente cosi distante dalla vita comune che è quello acquatico; vedere una cacciata, la livrea di una fario e confrontarla mentalmente con quella catturata prima, e poi lasciare tutto come stava rilasciando che la preda vada per la sua strada.

2) Aldo ha citato gli scarti di pellicceria, io intendevo se erano buoni materiali quelli di pellicce sintetiche.

8 Settembre 2007
22:35
Avatar
AldoB

Mayfly
Registrato
Messaggi del Forum: 1114
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ciao Tiziano e ben venuto.
Per il punto uno concordo con te.
Per il due avevo capito benissimo quello che chiedevi e posso risponderti che le fibre delle pellicce sintetiche vanno benissimo per diversi usi e per diversi dressing di artificiali, per lo più streamer o artificali da mare. Potresti anche montare in dubbing in asola queste fibre ed ottenere dei collarini per le mosche da caccia o altro.
La mia reiterata domanda se gli scarti di pellicceria potessero turbare la coscienza ecologica oppure no era solo per sentire come la pensavano gli altri.
Per quel che mi riguarda la battaglia per la salvaguardia degli animali pregiati da pelliccia non va fatta al nostro livello ma a livello di alta moda. Non credo che l’utilizzo di materiali di scarto dalla lavorazione delle pellicce possa creare danno agli animali coinvolti ormai uccisi per altri scopi.
Ciao
Aldo

9 Settembre 2007
02:21
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2205
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Aho!!!
Non ricominciamo con falsi moralismi. Conosco certi ambientalisti/talebani (verdi per moda) che frignano per un animale ucciso e poi vanno a magnà un giorno in un ristorante, che conosco, dove servono bisteccone di bisonte…si dico bisonte…come quelli che i cow boy facevano strage ed affamavano i nativi d’america; un’altro giorno vanno in un altro ristorante un po nascosto dove servono piattoni di datteri freschi al ghiaccio…alla faccia dell’ambiente e della legge!!
Poi come dice Luca che le piume di CDC vanno prelevate alle paparelle vive….ma fatemi il piacere…provate come feci io quando il prodotto non si trovava (20 anni fa)…e come ..azz strillavano da morire le poverine che dopo due piume ho lasciato perdere (provate a strapparvi i peli nel vostro didietro ;D ;D ;D)
il sottoscritto preferisce costruire con materiali naturali…una volta che perdi la mosca su un ramo o peggio in bocca ad un pesce questa con il tempo si disfa …cioè è biodegradabile, al contrario dei materiali artificiali che durano una vita..pensate nello stomaco di una bestia (anche se un pesce ha degli acidi gastrici così potenti da corrodere un amo). Se devo usare materiale artificiale lo faccio in modo limitato.
La maggior parte delle piume che uso me le procurano amici e parenti cacciatori…rifiutare questo materiale per idealismo sarebbe una vera idiozia, tanto loro a caccia ci andranno lo stesso…almeno io ne faccio buon uso.
Il pelo di foca che si vende è naturale solo di nome…è ricavato da filamenti di poliestere…la lepre artica non è altro che una variante di un coniglio che troviamo nelle macellerie (lo so perchè tempo fa li allevavo nella mia azienda agricola)…il pavone perde la ruota, cioè la coda, a fine luglio e basta raccogliere le piume nel cortile.
Poi quanto materiale usiamo per fare artificiali…pochissimo.
Mettiamoci la coscienza in pace ed andiamo a farci una bella pescata… altrimenti chi non ci sta si dia ad un altro sport. :-X

9 Settembre 2007
02:34
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2205
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Ops!
Dimenticavo…se vi serve un buon sostituito della pelliccia di lepre artica o altri animali a pelo lungo, andate in un ipermercato e comprate uno di quei guanciali (cuscini per dormire, in parole popolari) economici da 5 euro, apritelo e avrete materiale a volontà per milioni di artificiali…anche da mare…alcuni mercanti americani ce lo rifilano in bustine che costano un occhio della testa… ;) ;) ;)
Come diceva il buon Totò: cà nisciun’ è fesso!!!  8) 8)

9 Settembre 2007
10:11
Avatar
Ospite
Visitatore

x Er

sei sempre uno sbaragnaus te lo appoggio completamente ;) ;) senza cattive intenzioni
ciao a presto Mario

9 Settembre 2007
10:12
Avatar
Ospite
Visitatore

x Luca

era DAVVERO ottimo, ciao mo vado a pescarne un altro

9 Settembre 2007
16:44
Avatar
LUCAC71
Corropoli (TE)
Amministratore
Messaggi del Forum: 10743
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

x tix1977: ciao e benvenuto sul forum tix, aspetta… mi sembra giusto che ti dica che le persone che sono intervenute sono amici sia di pesca e (forse soprattutto) di tastiera… per cui c’era anche un modo diciamo "stretto" di parlare, come quando si parla tra amici e si pone eccessiva enfasi nel giudizio di un argomento, ergo nessuno può fare il moralista, nel senso che ognuno di noi ha le sue colpe in questo mondo, in un modo o in un altro  ;)
per le pellicce sintetiche dico la mia: secondo me galleggiano comunque più che sufficientemente bene per pescare  :)

x eri: 1° annotazione importante: io non ho peli sul c…o per cui non so come sia  ;D
sul discorso che il sintetico sia meno digeribile del naturale credo che non ci siano molti dubbi, io porrei l’attenzione sulla percentuale di morte per tale motivo, ma è difficile se non si hanno studi in merito, no?  ???

i discorsi sono belli anche per capire il pensiero degli altri, che il partecipante concordi o meno, almeno per me è così, per cui sarebbe una buona idea leggere chi abbia provato a sostituire dei materiali naturali con sintetici e quali risultati abbia conseguito, dati che potrebbero dare inizio ad un lavoro sui materiale come scritto addietro  :)

x teik: lo so, lo so….  :P

ricordati:
1) di presentarti a simfly.it nell'apposita sezione
2) di non porre domande su argomenti già aperti
3) se ravvisi un problema parlane prima in privato con i moderatori

9 Settembre 2007
17:10
Avatar
Ospite
Visitatore

Certo l’accoglienza non è delle migliori. Non fate altro che dire che sono un falso moralista. Almeno mi conosceste forse avreste ragione.
Per natura tento di essere coerente e di non giudicare gli altri, altrimenti potrei veni qui e dirvi che site dei gran menefreghisti e che se tutto va a scatafascio è colpa di quelli come voi!
Ma non ve lo dico, vi dico solo che ho l’impressione che non siate abbastanza aperti e che siccome la strada è già stata segnata è faccile andare avanti così.
Nel mio piccolo farò di tutto perchè quel poco che posso cambiare possa cambiare. Siccome non posso impedire che si vada a caccia faccio si di non godere di nessun prodotto ne cibo ne derivati vari.

[quote author=Marione link=topic=778.msg16760#msg16760 date=1189232101] Questo, a mio parere, è un altro punto fondamentale. Quanti di noi sono veramente coscienti del perchè in un dressing, magari classico, sono utilizzati proprio quei materiali? Per quali particolarissime qualità che altri non hanno?
Comunque sto uscendo dal tema….Scusate

Non mi sembra affatto un fuori tema, sapere perchè utilizzo quel determinato materieale, quali caratteristiche ha e con cosa lo posso sotituire, mi sembra perfetto.
Secondo me non tutti sanno perchè viente utilizzato quel materiale solo che c’è nella ricettina magica c’è sempre stato; perchè mi devo sbattere a trovare altre strade.
Io che sono fuori dal gregge chiedo assistenza in merito. ;)

9 Settembre 2007
17:11
Avatar
Ospite
Visitatore

X Luca
Prenderò atto di quanto dici facendo le dovute valutazioni :-

Per quanto riguardo l’essere responsabili, di avere tutti le nostre colpe, bisognerebbe cercare tutti di fare il nostro meglio.
Per esempio io non lascio più un eletrodomestico in standby. Quante mai kilowat risparmierò in una vita poche un inezia ma se tutti lo facessero…….
molti di voi direbbero che non cambierebbe niente.
La mia è una teoria dei piccoli passi: oggi questo domani quell’altro per edurare i giovani ad una cultura di rispetto per l’ambiente, altrimenti fra qualche secolo (voglio essere ottimista) non avranno più niente da rispettare.

9 Settembre 2007
17:23
Avatar
LUCAC71
Corropoli (TE)
Amministratore
Messaggi del Forum: 10743
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

tix, nessuno si riferiva a te, ci mancherebbe altro, ognuno ha espresso i propri pensieri che vanno rispettati anche se non condivisi, come va rispettato il tuo, ma ti prego di non dire che ti abbiamo offeso.

dire che non siamo molto aperti…… forse è un pò presto per tirare giù questo tuo giudizio su di noi, non credi? se ci conoscessi meglio, credo che potresti col tempo trarre un giudizio più rispondente alla realtà, ma sta tranquillo ci si conoscerà meglio…. ;)

continuando sull’argomento, spiegami meglio, tu hai già provato dei sintetici per sopstituire del naturale?

ricordati:
1) di presentarti a simfly.it nell'apposita sezione
2) di non porre domande su argomenti già aperti
3) se ravvisi un problema parlane prima in privato con i moderatori

9 Settembre 2007
17:36
Avatar
Ospite
Visitatore

X Luca
Apro l’ultima parentesi poi possiamo chiudere la questione
Fra falso moralista e poco aperto mi sembra ci sia la sua porcadifferenza se c’è qualcuno che si poteva offendere fose sono io. Poi almeno io lo dico in base alle risposte che mi sono arrivate.
Chiuso argomento.

Adesso ti spiego la situazione
Io mi vorrei riavvicinare alla pesca a mosca. Anni va avevo fatto qualche uscita (poco redditizia) ma poi era morta li. Adesso volevo ricominciare ma mi rode compare delle mosche che non so con cosa  sono fatte. In coclusione vorrei cominciare a costruirmele con i materiali che più mi soddisfano. Ora il problema è che non ho alcuna base non ho la ben che minima esperienza nel campo. Se qualcuno sa dove reperire degli schemi di costruzione per mosche che attengano allle mie esigenze.

9 Settembre 2007
17:51
Avatar
LUCAC71
Corropoli (TE)
Amministratore
Messaggi del Forum: 10743
Iscritto dal:
23 Settembre 2012
sp_UserOfflineSmall Non in linea

;)

allora non sono sicuro di aver compreso a fondo la tua richiesta, vediamo

se vuoi costruirti gli artificiali sostituendo i materiali naturali con i sintetici, dovrai prima avere un minimo di conoscenza sui materiali e la costruzione, altrimenti alcuni ti ppotranno dare delle indicazioni ma sarà per te difficile trovare la strada giusta  :-

se invece hai un minimo di conoscenza scegliti l’artificiale che vuoi costruire e prova a sostituire i materiali chiedendo consiglio in modo specifico su quel materiale qui sul forum  ;)

e comunque secondo il mio parere, si può pescare e bene, anche con mosche che sembrerebbero "brutte", fatte da principianti, i pesci non guardano la bellezza, spesso una mosca "stropicciata" ha un livello di imitatività elevato per i pesci, poi l’arte della costruzione si acquisisce solo con la praticità e il tempo e deve avere una forte passione, ma nel frattempo dobbiamo pur pescare  ;D

ricordati:
1) di presentarti a simfly.it nell'apposita sezione
2) di non porre domande su argomenti già aperti
3) se ravvisi un problema parlane prima in privato con i moderatori

9 Settembre 2007
18:31
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2205
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

XTix
se pensi che ti ho indicato con il dito sbagli…me la sono presa con quegli ambientalisti che adesso stanno scocciando per le piccole cose, tralasciando il fatto che a monte del problema non ci mettono un’acca…più facile prendersela con la categoria dei più deboli (pescatori e cacciatori) a scapito dei veri colpevoli (inquinatori etc…..tanto sono loro gli ambientalisti da salotto). >:(
Se vuoi ricominciare a pescare a mosca hai il nostro più caloroso benvenuto …anzi bentornato a bordo.  ;)
Se ti scoccia comprare mosche, lo stesso scocciava a me comprarle all’inizio, quindi non mi sono perso d’animo e ho cominciato a costruire mosche…bruttine all’inizio…ma prende di più una brutta mosca posata bene che una bella mosca posata male!!!!
Per i materiali puoi usare i più disparati…sia naturali che artificiali, ma alcuni hanno carateristiche di gran lunga migliori degli altri…es: l’hackle di gallo o il CDC non li puoi imitare, mentre il proibitissimo pelo di foca lo puoi benissimo sostituire con filamenti di poliestere (quelli con cui fanno cordino per diversi usi marini) ed è di gran lunga migliore del naturale.
Se un giorno ci possiamo incontrare sarò felice di suggerirtii tutto quello che ti serve…non per nulla stiamo creando un’associazione nazionale che comoprenda tutti i PAM che vogliono cimentarsi nella costruzione degli artificiali e la prima regola che ci imposteremo è: condivisione delle esperienze. ;) ;)

9 Settembre 2007
18:53
Avatar
Ospite
Visitatore

Scusa Tix,
mi è parso di capire che tu non vuoi utilizzare nessun "materiale" proveniante da animali, siano essi vivi o morti ;)
E’ una scelta tua personale che posso tranquillamente comprendere anche se non la condivido affatto.
Potrei darti qualche consiglio dicendoti di sostituire tutti i dubbing in pelo naturale con materiali sintetici. Vanno bene lo stesso, galleggiano o sono idrofili a seconda dei casi e quindi del loro utilizzo, qualcuno di questi può anche sostituira in meglio il naturale per via della traslucidità o dei giochi di colore.
Potrei dirti di sostituire il cul de canard con stoffe particolarmente volatili ed idrofobe, almeno per realizzare le ali delle tue imitazioni.
Per i cerci esistono, da anni ormai, materiali sintetici, le c.d. microfibrettes che somigliano molto a quelli degli insetti veri.
Per realizzare le hackles di galleggiamento, sia nel sistema tradizionale che in quello parachute, puoi tranquillamente utilizzare le pellicce sintetiche, basta montarle ad asola (è un po’ più laborioso ma i risultati non sono affatto male).
Come vedi di alternative al naturale ce ne sono ed anche tante anzi,i materiali artificiali sono sicuramente più numerosi dei naturali.
Su un punto però non sono daccordo e senza scomodare gli studi sulla mortalità dei pesci che ingoiano mosche realizzate con materiali artificiali, provo a spiegarmi.
Ti/Ci se/siamo mai chiesto/i quanto può inquinare una fabbrica che realizza materiali plastici (i sintetici sono plastica, né più né meno)??
Che impatto hanno le fabbriche, soprattutto quelle italiane che non depurano gli scarichi, sull’ambiente globalmente considerato??
Quanta parte di responsabilità hanno i cacciatori o i mangiatori di carne sul riscaldamento dell’atmosfera rispetto alle grandi multinazionali??
Da tempo sono convinto che la caccia non sparirà mai dalla nostra cultura e ne sono felice :)
La caccia fa parte della nostra natura perché da sempre mangiamo carne e da sempre uccidiamo per mangiare. La pesca non si discosta affatto dalla caccia, anche se molti di noi praticano il catche e release integrale (cosa che non faccio io).
Andare a caccia o a pesca non significa non avere rispetto per la natura e per l’ambiente anzi, molte volte è proprio l’opposto, la maggiore sensibilità ambientale la possiedono proprio alcuni cacciatori e pescatori.
E non sono io ad affermarlo ma è la nostra stessa storia che ce lo insegna. Proviamo a pensare, come ha detto qualcuno sopra, ai nativi d’America ed al rispetto che questi avevano per i bisonti che pure cacciavano utilizzandone carne ossa e peliccia.
Forse quel che c’è di sbagliato nella nostra sub cultura è altro. E mi rifersisco al fatto che nessuno o quasi si accorge delle alterazioni dell’ecosistema dovute non alla caccia o alla pesca ma all’inquinamento ed alle scelte sconsiderate di qualche sedicente ambientalista.
Ancora una volta proviamo a pensare allo sviluppo incontrollato dei cormorani (specie protetta – da cosa non si sa) o dello sviluppo incontrollato delle città e della cementificazione selvaggia che nel giro di pochi anni ha ristretto talmente tanto l’habitat degli animali selvatici da far si che questi arrivino fin dentro le nostre case a cercare cibo.
Nulla questio sul risparmio energetico…

9 Settembre 2007
19:31
Avatar
ERI - Pe

Mayfly

Socio SIM
Messaggi del Forum: 2205
Iscritto dal:
7 Febbraio 2007
sp_UserOfflineSmall Non in linea

Una medaglia ad Otto !!!!

9 Settembre 2007
23:51
Avatar
Ospite
Visitatore

x ERI
Ti ringrazio per il ben venuto e per il suggerimento ora so che dove c’è scritto pelo di foca devo mettere filamenti di poliestere (potrsti essere un po piu’ preciso che è il cordino per usi marini, queielle corde multicolore che usano anche i sub ma anche gli alpinisti).
Come ho gia detto sono algi inizi sia come pescatore che come costruttore mi blocco sempre perche cerco uno schema di costruzione semplice e assieme al collo di gallo il dubing (anche sintetico) trovo peli di alce di scoiattolo ecc.

x Otto
Scuse accettate anzi no (non c’è n’è bisogno) ;)
Forse mi sono spiegato male io sono contrario ad usare materiali di animali particolari o provenienti dalla caccia o pellicceria. Tutti gli animali di allevamento che vengono utilizzati per uso alimetare vanno bene. Poi vorrei precisare che è vero che i maggiori responzabili della situazione sono l’utilizzo smodato di combustibili fossili, però nello squlibrio totale mi sembra irrispettoso scatacciare ste povere bestiole. Poi ricordiamoci che gli ultimi animali che si sono estinti è stata solo ed esclusivamente colpa dell’uomo cacciatore che con mezzi tecnici sofisticati ha portato allo sterminio o quasi del bufalo delle balene e quella definitiva di quella spece di antilope zebrata di cui non ricordo il nome. Quest’ultima è avvenuta nella prima metà del novecento e l’inquinamento non c’entrava molto. E’ inutile dire che la caccia è nel nostro dna. Cacciare non è più un esigenza (se non in rari casi) e adesso con la tecnologia che abbiamo a disposizione la lotta e decisamente impari. I vecchi cacciatori di qualche decennio fa non andavano a caccia aon un arsenale da guerra. Se non ci fossero le limitazioni che ci sono (e che sistematicamente vengono aggirate) molte più spece sarebbero a rischio. Altrimenti parliamo di eutanasia siccome la situazione è drammatica poniamoli fine. La terra è un vecchio malato, siccome è alla fine dei suoi giorni sfruttiamolo al massimo e leviamogli anche il sangue. :'(

x tutti
I peli di renna sono buoni?
Le renne vengono allevate allo stato brado dai sami tribu nomade  semi eschimese. I sami traggono gran parte del loro sostentamento dall’allevamento di questi animali (come fossero mucche o pecore per noi, solo che vengono lasciate libere).

10 Settembre 2007
10:12
Avatar
Ospite
Visitatore

…….erano 20 anni che non assaggiavo una trota: questo perchè non amo il pesce di acqua dolce.

Dopo aver mangiato i trancetti di "Trota in Savor" (spero si scriva così) gentilmente offerti dall’Ing. Gianni Campanini e consumati avidamente insieme a Gigi, Lorenzo, Marco ed altri che allungavano le mani, debbo dire che questa storia del No Kill è una gran cazzata…….  ;D ;D

10 Settembre 2007
10:41
Avatar
Ospite
Visitatore

Ciao Tix,
grazie per la precisazione ;)
Quel che dici è vero, la tecnologia ed anche un po’ il nostro adattamento al modello consumistico rendono la caccia ma anche la pesca, attività potenzialmente pericolose per la natura e per l’ambiente in generale.
Saperci limitare, rispettando flora e fauna dipende però esclusivamente da noi, da ogni singolo individuo.
Ho scritto sopra che non pratico il catch e release integrale perché mi sembra un’ipocrisia e la trovo anche una pratica dannosa per il pesce e per il suo atteggiamento predatorio. Molti dicono che è sempre meglio ridare la libertà al pinnuto piuttosto che annocarlo e farlo finire in padella. Secondo me non è così, è troppo comodo >:(
Il pesce, anche se non sente dolore per la penetrazione dell’amo perchè sembra non abbia terminazioni nervose sulle "labbra" subisce senz’altro uno stress fisico importante a seguito della cattura. Sicuramente non si diverte affatto nel farsi catturare e rilasciare, almeno non quanto posiamo divertirci noi.
Eppure i nokill prolifiocano su tutto il territorio nazionale ed anche all’estero, siamo pieni di tratti di fiume che somigliano molto ai laghetti a pagamento dove paghiamo (anche parecchi Euro) per andare a… [glow=red,2,300]divertirci[/glow] :o
Vedo persone che pescano per 12 ore di fila,
che non sono soddisfatti se non catturano almeno una ventina di pesci :o
il tutto perchè hanno tirato fuori dei soldi per poter pescare e devono per forza ripagare il costo del biglietto… cazzo vadano al Luna Park, la pesca c’é anche lì anzi, lì ti danno il pesciolino rosso quando vinci.
Il fiume non va affrontato con questo spirito.
Potremmo (possiamo) andare a pesca con l’intenzione di prelevare 2 o 3 pezzi per arrostirli o farli in padella. Faremmo meno danni, a patto che l’attività di pesca sia limitata anzi, autolimitata. Il fiume andrebbe vissuto, si dovrebbe fare una pausa di tanto in tanto, per cercare di comprendere la sua complessa biodinamicità, per vedere cosa c’è sotto le pietre del fondo, per capire i giochi di corrente, per osservare il comportamento del pesce.
Trascorrere una giornata così sul fiume non ha prezzo perché arrichisce di esperienza e di rispetto per ciò che ci circonda.
Invece no!
Le persone smaniano per la cattura, lanciano di continuo (ne ho visti tanti) non per imparare a lanciare ma per pescare, tanto poi il pesce lo rilasciano ???
Ed è così che ci ritroviamo ad avere fiumi in cui le trote o itemoli devono essere pescate con finali assurdi 0,08 ???
con imitazioni costruite su ami del 24 o oltre perché hanno imparato a difendersi cibandosi di cagatine invisibili che tra l’altro, a volte, nascondono comunque un’insidia appuntita ???
Pesci che una volta allamati, si lasciano salpare come poveri semi affogati, in attesa che la mano pietosa dell’uomo restituisca loro la libertà di essere catturati nuovamente per poi essere nuovamente liberati.
Poveri pesci, che vita di merda!
Tutto questo per dirti che se sei pescatore è meglio che accetti e di buon grado, la tua natura.
Il catch e release, almeno nella versione praticata dalla massa, è un’invenzione dei nostri tempi, è l’ennesimo frutto malato della nostra ipocrisia.
Quel che ho scritto travalica i confini dell’argomento trattato, chiedo scusa per l’OT ma letto nella maniera giusta può riguardare anche l’utilizzo dei materiali naturali, almeno dal mio personale punto di vista.

No permission to create posts
Fuso orario del forum:Europe/Rome

Record di utenti connessi:296

Attualmente connessi:
23 Ospite(i)

Attualmente stanno visitando questa pagina:
1 Ospite(i)

Utenti più attivi:

Statistiche Utenti:

Ospite: 11

Utente: 6840

Moderatore: 1

Amministratore: 3

Statistiche del Forum:

Gruppi:2

Forum:22

Argomenti:3052

Messaggi:65456

Utenti più recenti:

Vito Annarumma

Moderatori:webmaster: 137

Amministratori:Roberto: 1121, LUCAC71: 10743, Marco: 27